giovedì 16 ottobre 2008

Casabella 770

Casabella 770 - Ottobre 2008

Come già visto nei precedenti del 2008 anche il numero 770 inizia con l'editoriale dedicato all'insegnamento dell'architettura. La redazione, nel presentare lo scritto che questo mese è affidato ad Alvaro Siza, tende a ribadire l'importanza che ha il discutere del problema e, citando: " ...diviene ogni giorno più urgente: è sufficiente frequentare anche soltanto per qualche giorno una qualsiasi scuola di architettura per rendersene conto.", mi trova personalmente d'accordo.
I punti in cui Siza divide il suo discorso non sono
tesi a cercare un colpevole, come nel precedente scritto di Eisenman (vedi rec. n° 769), ma si orientano direttamente all'essenza della materia. Pur restando in un contesto generalista, mette a fuoco caratteristiche fondamentali dell'architettura ed evidenzia, via via nel discorso, quelle condizioni che dovrebbero rappresentare, secondo Siza, un idealistico modus di insegnare la materia. Conclude l'ultima parte del proprio discorso con considerazioni che definirei quasi "pratico-filosofiche" (affronta brevemente il problema del rapporto tra architettura e società/collettività).
Chiusa l'introduzione, veniamo adesso ai contenuti progettuali presenti questo mese.
Il "profilo" è dedicato all'architetto svizzero Valerio Olgiati di cui, dopo una introduzione biografica, sono recensite tre opere:
- Atelier Bardill, Scharans, Canton dei Grigioni;
- Ufficio Olgiati, Flims, Canton dei Grigioni;
- Centro visitatori del Parco Nazionale Svizzero, Zernez, Canton dei Grigioni.
Si continua con una analisi di quattro opere dedicata alle strutture per l'infanzia non a caso introdotte dal titolo "A scuola da bambini":
- Pietro Boschetti, Scuola d'infanzia, Arosio, Canton Ticino;
- Adolfo Zanetti, Scuola elementare, Casalserugo, Padova;
- Baas, Scuola materna e elementare, Barcellona;
- Victor Horta, Un asilo a Bruxelles.
Interessante e completo quest'ultimo dedicato ad un opera del maestro Belga. Un articolo ricco di foto e disegni con una bella analisi scritta da Dirk De Meyer (non lo nego, mi sono soffermato qui data la mia vecchia passione per l'art nouveau e, leggo sempre volentieri scritti dedicati ad Horta od al suo "allievo-emulo" francese Guimard).
Segue, senza essere collocata in una specifica parte tematica, la recensione dell'opera:
- Mauro Galantino, Centro civico e religioso, Modena.
Si conclude con tre opere, introdotte dal nome tematico "Architettura e memoria", dedicate a cimiteri museali a carattere memoriale.
- Govaert e Vanhoutte, Centro visitatori del cimitero inglese di Tyne Cot, Ypres;
- Govaert e Vanhoutte, Padiglione d'ingresso al cimitero tedesco, Langemark;
- Studio Kuadra, Memoriale della deportazione, Borgo San Dalmazzo, Cuneo.
Per "la biblioteca dell'architetto" è presente la recensione del libro "Peter Eisenman: tutte le opere" Electa 2007 di PV Aureli, M. Biraghi, F. Purini. Un testo un pò autopromozionale se vogliamo, ma nella sua recensione il bravo Daniele Pisani non sembra farsi condizionare troppo dedicandosi a parlare quasi più di Eisenman che della monografia in se.
Chiude la copertina di Casabella del numero 421 datato gennaio 1977 (che, ricordo, vengono inserite come omaggio agli ottant'anni della rivista).

Joystar

3 commenti:

  1. Ciao, trovo sempre molto utile vedere il contenuto di cui parla Casabella ma spesso non li trovo. Per esempio il 770 è indicato come inserito il 16 ottobre ma fino a qualche giorno fa non c'era. Ed ora si trova già in edicola il 771 (visto stamattina).
    Altra domanda, che forse ti avranno già chiesto, perchè non inserire qualcosa di simile anche su Domus, Area, L'Arca (per citare le prime che mi vengono in mente) ?
    Perchè non iserisci qualche biografia di grandi architetti? Sarebbe interessante non credi?
    Saluti e complimenti per il blog (peccato che sia poco aggiornato).

    Colba
    (Gian Battista Colpi)

    RispondiElimina
  2. Enrico
    ...scusate la bassezza del mio commento (che non è neanche un commento poi..), ma spero cmq che qualcuno mi risponda. Come faccio a richiedere dei numeri arretrati di casabella che non mi sono arrivati anche se ero abbonato? Sono cieco io o non si trova un numero di telefono o un indirizzo mail? se qualcuno può aiutarmi grazie...

    RispondiElimina
  3. X Colba:
    grazie dei complimenti (in questo periodo credo poco meritati cmq...). In merito al 771 posso dirti che mi è arrivato solo qualche giorno fa e giace ancora da parte nella mia scrivania in attesa. Per quanto riguarda la stranezza delle date la risposta è semplice. Sono le date in cui ho iniziato a scrivere l'intervento ma che poi è rimasto in bozza per giorni quindi anche se pubblicato il 5 nov è rimasta la vecchia data del 16 ottobre. Tutto qui.
    La domanda riguardo le altre riviste mi è stata già fatta diverse volte in effetti, brevemente posso dirti che per casabella non ci sono poi tante fonti su cui spulciare i contenuti del mese, mentre per Arca o Domus, in particolare sul loro sito, trovi almeno un indicazione di cosa sarà presente in quel dato numero. Per le biografie dei grandi architetti ritengo che ci siano già fonti a sufficienza in rete. Potrebbe essere interessante, ogni tanto, parlare di questo o quell'aspetto del singolo progettista. Appena ho tempo ci penserò su.

    X Enrico:
    se sei abbonato, che io sappia, dovrebbe bastare una email al servizio abbonati della mondadori. Mentre la gestione dei numeri arretrati veri e propri è affidata al distributore ufficiale. Nella pagina "rossa" prima dell'indice trovi tutte le info alla voce "per contattare il servizio abbonati", occhio che il n° di telefono pare sia a pagamento. Prima prova con la mail: abbonamenti@mondadori.it . Spero che risolvano, nel mio caso avevano risposto abbastanza celermente. Sono abbonato dal 2000 e mi è capitato un problema simile solo una volta...errore del postino che consegnò il mio numero ad un altro utente. Mi rimandarono il numero dopo 1 o 2 mesi al massimo mi pare di ricordare.

    Spero di non essere stato troppo prolisso. Un saluto ad entrambi.

    RispondiElimina

Grazie per aver lasciato un commento su Correnti d'architettura. Joystar