domenica 2 dicembre 2007

Casabella 760

In questo numero sono di scena due argomenti principali: “I musei” ed “il Portogallo”.
Si comincia con un editoriale molto particolare dedicato al tema “musei” realizzato assemblando cinque citazioni collegate allo stesso.
La prima, di Jean Clair, è posta lateralmente ed in corsivo come introduzione. Le altre quattro sono poste lateralmente a formare “il corpo del testo”. Sono ovviamente troppo lunghe da inserire qui, ed esula dai miei obiettivi metterne il contenuto; posso però citarne gli altri quattro autori: Rainer Maria Rilke, Walter Benjamin, Marc Fumaroli e Giorgio Manganelli. Consiglio vivamente di trovare il numero 760 solo per dare una lettura di queste, esprimono dei concetti sui musei che, se magari non completamente condivisibili, rappresentano spunti di possibili discussioni in merito.
Sono presenti i progetti:
- Pierre-Louis Faloci, Museo di Arte e Storia, Rochefort, Francia;
- Coop Himmelb(l)au, Akron Art Museum, Akron, Stati uniti;
- Jun Aoki, Museo dell’Arte Aomori, Aomori, Giappone.
Chiude l’argomento un servizio completo sul Guggenheim di F.L. Wright dal titolo esemplificativo “Come è stato costruito il Guggenheim di FLW” scritto da Tommaso Trombetti. Si tratta di un articolo che affronta l’opera del maestro Wright seguendone la modalità operativa che ha portato alla sua realizzazione. Ho trovato il servizio talmente ben fatto che posso pure sbilanciarmi ad affermare che vale da solo questo numero 760 di Casabella; ancora una volta assolutamente consigliato.

Segue un’insieme di opere portoghesi (l’altra tematica trattata in questo numero è appunto il Portogallo).Abbiamo, dopo un’introduzione al tema di Marco Mulazzani e Vittorio Gregotti, le seguenti opere:
- Carlos Jorge Coelho Veloso, Teatro Comunale, Guarda;
- Fàtima Fernandez e Michele Cannatà, Stazione degli autobus, Mogadouro;
- Graca Correia e Roberto Ragazzi, Casa no Gerès, Canicada, Vieira do Minho.
A cui segue un profilo di Guilherme Machado Vaz con tre sue opere: Casa nella Valle a Vieira do Minho, Casa da thè a Matosinhos e Centro civico a Custòias (Matosinhos).C’è poi da evidenziare il gran lavoro di M. Mulazzani in questa sezione sul Portogallo, sempre presente con diversi interventi.

Nella parte conclusiva dedicata alla biblioteca dell’architetto si trova un articolo “Reframing Saarinen” di Chiara Baglione, che recensisce il libro “Eero Saarinen: Shaping the future” scritto a cura di Eeva-Liisa Pelkonen e Donald Albrecht ed edito da Yale University Press, New Haven London 2006.
Chiude il numero la ormai consueta fotografia di E. Stoller del complesso J. Wax di FL Wright.

Joystar

PS: in allegato al numero 760 c’è uno speciale (pubblicitario) dal titolo creative book della Casalgrande padana, dove all’interno si possono trovare numerosi progetti, dei quali alcuni molto interessanti.

Nessun commento:

Posta un commento

Grazie per aver lasciato un commento su Correnti d'architettura. Joystar