mercoledì 15 agosto 2007

Il Forum Building a Barcellona

Il Forum Building di Herzog e De Meuron e il Parco Litorale Nord di Abalos & Hereros
Da circa 20 anni a Barcellona si muove un impeto strano nel voler reinventare le più note tipologie di spazio pubblico. Si tratta di un processo che prevede una sorta di riqualificazione verticale della città, che parte dal sottosuolo, con l’impianto di depurazione per le acque, sopra di esso una piazza all’aperto e poi ancora torri ecc. L’impostazione risulta chiara e non si limita ad interpretare la città come una somma di singole aree, bensì come un succedersi di episodi uno accanto all’altro, che interagiscono tra di loro, nella massima libertà. Il Forum Universal de las Culturas del 2004 dà vita ad un nuovo impulso, si vuole definire un modello di città che s’ispira a valori più etici, che si muovono comunque verso avanguardia e innovazione.
Il Forum Building, progettato dagli architetti svizzeri Herzog e De Meuron, è un edificio celebrativo e rappresenta il simbolo del Forum del 2004. Si tratta di un edificio di forma triangolare di 180 m di lato, ubicato nel triangolo della strada Diagonal, La Rambla de Prim e la Ronda Litoral. L’edificio risulta rialzato pochi metri dal terreno (25mt.) e dà l’impressione di una grossa tenda blu che scende dall’alto. Le finestre sono a specchio e assomigliano a dei cocci di vetro rotti. L’edificio crea uno spazio pubblico coperto che dal punto di vista funzionale risulta essere estremamente flessibile, volto ad ospitare spazi museali dedicati alle culture del mondo, all’arte e al design.
All’interno della grande trasformazione urbanistica del Forum 2004 si inserisce il Parco Litorale Nord (detto anche Parco della Pace), ad opera degli architetti Abalos & Hereros. L’idea di questo parco nasce da una grande sensibilità nei confronti delle questioni ambientali e sembra voler tradurre l’idea di waterfront per cui il passaggio città-mare non è più necessariamente una linea, secondo gli stereotipi tradizionali, bensì una fascia e cioè un’area strutturalmente complessa composta da sistemi spaziali interconnessi, esteticamente, funzionalmente e socialmente individuabili in una unità complessiva. In questo progetto le componenti naturali paesaggistiche, mare, vento, sole, spiaggia sono utilizzate come materiali da costruzione. L’insieme è legato al tempo stesso alla città, al mediterraneo e al paesaggio industriale precedente.

Nessun commento:

Posta un commento

Grazie per aver lasciato un commento su Correnti d'architettura. Joystar